Musica

Circa 2.400 manoscritti musicali e più di 3000 opere di musica a stampa dal 1750 circa ad oggi. Il materiale, non ammesso al prestito, è consultabile in Biblioteca.

Lo strumento principale di accesso è il Catalogo Bibliografico Trentino, nel quale sono stati inseriti nel corso degli anni 2000-2002 i dati bibliografici di tutta la sezione musicale. Per i documenti che si trovano in altre parti della biblioteca si devono consultare i cataloghi cartacei.
Esiste anche un catalogo a stampa che comprende tutti i manoscritti e le musiche a stampa anteriori al 1850, frutto del lavoro di Clemente Lunelli e Romano Vettori che negli anni fra il 1978 e il 1986 riordinarono e schedarono l'intera Sezione musicale.

La maggior parte della musica conservata nella Biblioteca è pervenuta da donazioni di privati o enti che hanno fatto confluire importanti lasciti a testimonianza della storia musicale roveretana dal XVIII secolo ad oggi.
Si deve al bibliotecario Antonio Rossaro, negli anni fra le due guerre, la costituzione di un fondo denominato "Sezione musicale" (SM), che raccoglie la maggior parte della musica a stampa e manoscritta. In questa sezione si trovano i fondi dell'Archivio della Cappella musicale di S.Marco (con le opere di Domenico Pasqui e Giampietro Beltrami), della "Società di Canto di Rovereto" e della "Musica cittadina" (ex Civica banda). Vi sono raccolte inoltre composizioni donate da musicisti illustri come Riccardo Zandonai, Giuseppe Conci, Giacomo Gotifredo Ferrari,  Francesco Giuseppe Fiumi, Giacomo Sartori e altri ancora. In particolare di Zandonai giunsero in Biblioteca a più riprese materiali di vario tipo: lettere, manoscritti, materiale a stampa riguardante il maestro e documentazione varia che confluì in un fondo a lui dedicato (SZ).
La continuità del legame fra la Biblioteca civica e il suo territorio è confermata tutt'oggi dalle donazioni a carattere  musicale degli eredi di Renato Dionisi e di Luigi Valperga di Masino.
Il tipo di materiale che costituisce la raccolta è eterogeneo: si va dalla musica sacra vocale e strumentale per le opere più antiche, fino alla musica profana per coro, banda, strumenti vari o insiemi di strumenti, con una prevalenza di opere del XIX secolo.